2622

I bagliori della storia: alla scoperta delle bellezze dell’Alto Casertano

Trecking culturale a Vairano Patenora e Pietravairano

scritto da Pierluigi Pulcini / 19 giugno 2015

Trecking culturale nell'Alto Casertano

Il 21 giugno 2015, dalle ore 16,30, scarpette comode e macchina fotografica: a spasso “Tra i bagliori della Storia”, un’escursione per divulgare e promuovere le bellezze paesaggistiche, artistiche e storiche dell’Alto Casertano, più precisamente nel territorio dei comuni di Vairano Patenora e Pietravairano.

Dopo il successo delle due edizioni della passeggiata “Trekking Culturale”, quest’anno gli organizzatori, tra cui figurano alcune associazioni del territorio come MTB e Trekking Volturno, Legambiente Alto Casertano l’Istrice, hanno deciso di ampliare la formula iniziando dal nome.

Il titolo dell’iniziativa, “Tra i Bagliori della Storia”, vuole sottolineare proprio le profonde stratificazioni storiche di quasi duemila anni che emergono al confine tra i due comuni.

 

Si parte dal Convento di Santa Maria della Vigna, sorto nel XIV secolo e ancora oggi luogo di culto, in passato monastero domenicano, poi francescano, è oggi luogo di clausura per una dozzina di suore.

Si prosegue per l’itinerario stabilito, si attraversa la frazione di Tramonti e si raggiunge il suggestivo complesso romano del Teatro-Tempio di Monte San Nicola, datato tra il I e II secolo d.C., che è posto su uno sperone di roccia a picco sulla piana sottostante e dalla cui posizione si gode di una vista a 360° sul territorio dell’Alto Casertano. Scoperto per caso nel 2001, il Teatro è stato oggetto di una lunga campagna di scavi ed è oggi in fase di restauro in quanto considerato possibile meta futura di turismo culturale.

La passeggiata, infine, si concluderà presso l’Abbazia S. Maria della Ferrara, fondata nel 1171 e considerata una delle più importanti abbazie cistercensi del meridione, con un potere economico e politico capace di incidere anche sul conclave. In essa pare sia avvenuta la formazione del Papa Celestino V e all’interno della struttura vi sono presenti affreschi di grande valore. Purtroppo oggi si trova nello stato di rudere e anche per sensibilizzare e sollecitare amministratori e popolazione ad agire in sua difesa abbiamo deciso di concludere qui il percorso, ponendo l’attenzione su quanto ancora c’è da fare.

 

È sorprendente pensare come in uno spazio di soli 6 km immersi in una natura ancora incontaminata vi sia un patrimonio culturale di tale portata e tutto ancora da valorizzare. Sono proprio queste testimonianze del tempo a costituire i bagliori della storia che affascinano visitatori non sempre ben informati sull’immenso patrimonio culturale del territorio in cui vivono.

 

Alla fine dell’escursione sarà presente una navetta che riaccompagnerà i visitatori al punto di partenza.

 

L’iniziativa è patrocinata dai comuni di Vairano Patenora e Pietravairano.