2628

Nola e i suoi musei: storia, folclore e spirito religioso

La Festa dei Gigli non è il solo patrimonio in mostra nel Giugno Nolano

scritto da Luisa Panagrosso / 19 giugno 2015

Nola e i suoi Musei

Come ogni anno Nola è pronta a far rivivere la storica ballata dei Gigli, patrimonio immateriale dell’umanità. Ma non sarà il solo patrimonio ad essere messo in mostra in questo giugno di festa. Grazie all’associazione Meridies e all’iniziativa “Nola e i suoi musei – Storia, folclore e spirito religioso”, i due musei nolani, il Diocesano e lo Storico Archeologico, saranno al centro di aperture straordinarie e di visite guidate il 22 e il 27 giugno, per permettere ai turisti italiani e stranieri che visiteranno la città di conoscerne e apprezzarne le straordinarie collezioni.

 

Sicuramente ci saranno tra questi i numerosi camperisti provenienti da ogni parte d’Italia, che saranno accolti dalla Tecnocamper di Raffaele Piccirillo e guidati da Meridies alla scoperta della città, della sua storia e delle sue tradizioni.

 

Inoltre l’associazione Meridies, insieme con altre associazioni nolane, curerà la gestione di un info point allestito presso la Villa Comunale, voluto dalla Fondazione Festa dei Gigli di Nola allo scopo di fornire le informazioni e gli strumenti per orientarsi a quanti affolleranno la città nei giorni di festa.

 

L’impegno dei volontari di Meridies – ha dichiarato Michele Napolitano, presidente dell’associazione – è di riuscire a portare all’attenzione di tutti, dai turisti  agli appassionati della Festa dei Gigli la cultura millenaria della città di Nola, che è fatta di storia, folclore e spirito religioso».

 

Programma delle visite guidate:

 

Lunedì 22 giugno dalle ore 18.30 alle 21.30 apertura del Museo Diocesano (ingresso dalla Cattedrale).

 

Sabato 27 giugno dalle ore 17 alle ore 19.30 apertura del Museo Diocesano (ingresso dal Palazzo Vescovile).

Dalle ore 17 alle ore 19 visita guidata al Museo Storico Archeologico (Via senatore Cocozza).